Legacoop Emilia Ovest
Transcoop dona 50mila euro all' Ausl - Irccs di Reggio Emilia
02 April 2020


Lunedì il Consiglio di Amministrazione di Transcoop ha deliberato una donazione da 50.000 euro a sostegno dell' Ausl Irccs di Reggio Emilia, per fronteggiare l' emergenza coronavirus.
"Da parte nostra vuole essere un modo di sostenere il personale sanitario in questi giorni così difficili, che pure vedono anche gli autotrasportatori in prima linea per consegnare alimenti e medicinali, così che arrivino alle persone e alle famiglie". Con queste parole il Presidente di Transcoop, Edo Ferrari, annuncia e spiega la consistente donazione che il Consorzio di Imprese Artigiane ha elargito nelle scorse ore.
"Una donazione - prosegue il Presidente - che ha riscontrato l' approvazione unanime e convinta di tutto il Consiglio di Amministrazione: comprendiamo benissimo gli sforzi e l' impegno del personale medico, infermieristico e ausiliario che in prima linea combatte il coronavirus. Lo comprendiamo perché anche il mondo dell' autotrasporto, e Transcoop in particolare, sta portando avanti un grande lavoro in questo periodo. Il fatturato per servizi ad aziende della catena alimentare (GDO e aziende di produzione) rappresenta circa il 50% del nostro fatturato, che in una fase di emergenza nazionale come quella che stiamo vivendo non può assolutamente fermarsi e nemmeno rallentare. L' approvvigionamento della grande e media distribuzione, ma anche dei negozi di quartiere, è essenziale perché le famiglie trovino sugli scaffali i prodotti di cui hanno bisogno, e che pure in questi giorni così complessi non sono mai venuti meno. In più, abbiamo quasi 20 furgoni che si occupano della consegna di medicinali, anche alle Case di cura, e questa è un' altra funzione strategica fondamentale e irrinunciabile del nostro lavoro, oltre che diverse decine di mezzi impegnati nella raccolta rifiuti solidi urbani nella provincia di Reggio Emilia'. Transcoop, per la sua dimensione di riferimento nazionale, ha operato a largo raggio anche in queste settimane. 'I nostri trasportatori - aggiunge Ferrari - a mio parere sono dei piccoli eroi. Fin dai primi giorni dell' emergenza covid-19 hanno consegnato anche nelle zone rosse lombarde, nel bergamasco, nel bresciano, pur consapevoli che stavano mettendo a rischio la loro salute. Nessuno dei nostri soci, o degli autisti alle dipendenze dei nostri soci, ha mai detto 'non vado', 'non me la sento'. Lo Stato ci ha chiesto uno sforzo, e nessuno si è tirato indietro. E così continueremo a fare".
Sulla situazione generale del Consorzio in questo periodo, Ferrari conclude: "Per quanto riguarda il settore alimentare, come dicevo, si sta lavorando a pieno ritmo, ma per il settore industriale il lavoro si è praticamente dimezzato: l' auspicio è che si possa ripartire in tempi rapidi, compatibilmente con la salute pubblica che resta giustamente il primo obiettivo, e che una volta che si riparta ci siano le condizioni per recuperare velocemente volumi di scambio vicini a quelli pre crisi".