Legacoop Emilia Ovest
Reggio Emilia: siamo tra i firmatari del "Patto di contrasto alle nuove povertà"
26 May 2021
Patto

Un’alleanza ampia, sostanzialmente totale, è la proposta operativa di Reggio Emilia per rispondere alla povertà, in particolare alle fragilità che sono conseguenza economica e sociale della pandemia, ma anche di una più ampia riconfigurazione del quadro occupazionale, produttivo, tecnologico ed ambientale. Promosso dall’Amministrazione comunale, è stato definito e sottoscritto il Patto di contrasto alle nuove povertà, in linea con il Patto per il lavoro e per il clima, definito nei mesi scorsi dalla Regione Emilia-Romagna, e con l’Agenda 2030.

Con il Comune di Reggio Emilia, ad oggi hanno sottoscritto il Patto di contrasto alle nuove povertà 25 soggetti tra associazioni datoriali e sindacali, Terzo settore, enti di formazione e fondazioni quali: Forum Terzo Settore, Cgil, Cisl Emilia centrale, Cupla, Uil, Cna Reggio Emilia, Coldiretti Reggio Emilia, Confagricoltura Reggio Emilia, Cia–Agricoltori Italiani, Confapi Emilia, Confcommercio, Concooperative Reggio Emilia, Confesercenti Reggio Emilia, Lapam, Legacoop Emilia Ovest, Unindustria Reggio Emilia, Ciofs–Fp Emilia-Romagna, Csl La Cremeria, Demetra Formazione, Fondazione Enaip, Fondazione Simonini, Ial Emilia-Romagna, Ifoa, Irecoop Emilia-Romagna, Aidp Emilia-Romagna. Il Patto è aperto ad altre adesioni.

Lotta alla povertà, riduzione delle disuguaglianze, sostenibilità, inclusione e coesione sono gli obiettivi a cui tende il Patto di contrasto alle nuove povertà, così come la Missione 5 del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che destina a questa voce complessivamente 19,8 miliardi di euro, e la stessa Agenda 2030.

Come già specificato nel Patto per il lavoro e per il clima regionale, infatti, l’Unione Europea ha reagito al contrasto della crisi economica e pandemica con misure eccezionali, come Next Generation EU.

L’Italia, attraverso il proprio Pnrr, potrà beneficiare di consistenti finanziamenti da destinare a progetti e azioni mirate su cui il sistema territoriale dell’Emilia-Romagna intende svolgere un ruolo primario nella programmazione e nella gestione delle risorse a disposizione.

Reggio Emilia, attraverso il Patto di contrasto alle nuove povertà, vuole essere pronta, con uno strumento attraverso cui definire le priorità su cui orientare le risorse disponibili e condividere gli interventi urgenti e quelli strutturali necessari per rimettere in moto l’economia e la società.
 

www.comune.re.it