Legacoop Emilia Ovest
La Betulla spegne 50 candeline, evento allo Spazio Gerra il 30 ottobre alle 17
22 October 2019


Fondata nel  1969 la cooperativa edile di abitazione La Betulla nel 2019 è arrivata al traguardo dei 50 anni di attività. Festeggerà questa ricorrenza mercoledì 30 ottobre allo Spazio Gerra a partire dalle 17.
Dall'idea mutualistica originale dei venti soci fondatori altri 15.234 soci assegnatari e in godimento si sono aggiunti e hanno beneficiato dell'idea mutualistica originale: realizzare il diritto alla casa tramite abitazioni di proprietà o nell'ultimo decennio assegnate in godimento tramite un canone di affitto. Dalle 20 abitazioni del betulla 1 andato a rogito nell'Aprile del 1973 circa 5.000 unità immobiliari si sono aggiunte e già il Betulla 252 in fase di realizzazione a partire dai  prossimi mesi ne aggiungerà oltre 40.
Questo è il risultato concreto dello spirito mutualistico della cooperazione. La strada è stata disseminata, dalle opportunità, dalle difficoltà,dai cambiamenti che l'Italia ha vissuto in questi 50 anni attraverso fasi di espansione economiche e crisi di sistema. Attraverso l'ascensore sociale, verso l'alto che permetteva alle famiglie di acquistare finalmente la casa dei propri sogni in regime di proprietà o tramite il blocco della scala sociale che te la fa sognare e apprezzare di più al conseguimento della proprietà ma che ti permette di ottenere l'abitazione in godimento tramite un canone agevolato.
In questi 10 lustri la qualità progettata da La Betulla, fondata sul rispetto urbanistico e sulla costruzione abitativa, ha fatto si che i nostri piani particolareggiati si siano inseriti armonicamente nello sviluppo di Reggio Emilia e nei comuni dove abbiamo progettato e costruito.
I risultati per La Betulla parlano da soli e sono alla base della sua alta reputazione. A distanza di decenni nonostante la vendita da parte dei soci ad altri acquirenti non soci, non si registrano nelle nostre zone: difficoltà legate ad aspetti sociali negativi, separazione dalla città in quanto località a parte, siti problematici, disgregazione sociale, obsolescenza dei quartieri e delle abitazioni, declassamento  degli abitanti, perdita di valore patrimoniale degli immobili.
La Betulla ha costruito appartamenti, schiere, villette, masonette, immobili ed interi quartieri in una sola parola: bene.
Ha pensato e conseguito una qualità complessiva inserendoli armonicamente nello sviluppo della città.
Lo ha fatto circondandoli di verde pubblico e privato,  collegandoli bene alla rete viaria e ciclopedonale, prevedendo la vicinanza di servizi sportivi, educativi, di cura delle persone, culturali, commerciali. costruendo rispettando indici edificatori, qualità del prodotto edile, certificazioni energetiche e classi.
Tutto ciò è stato fonte di tenuta sociale, di ben-vivere e di difesa e incremento del valore economico nel tempo.
Ora si tratta di festeggiare per i risultati mutualistici conseguiti dai soci, per gli esiti di tenuta ambientale e urbanistica per l'intera città e di difesa sociale per l'intera comunità. Effetti evidenti ottenuti in questi 50 anni e brindare alla nuova navigazione nelle acque agitate della attuale precarietà economica, sociale, istituzionale.
Una navigazione da intraprendere utilizzando gli strumenti valoriali della cooperazione: mutualità tra i soci, tra le cooperative ed intergenerazionale; solidarietà con le comunità; trasparenza, informazione, formazione.
Cin-Cinquanta La Betulla buon anniversario.

Roberto Meglioli